Lo sbattitore elettrico: come usarlo in cucina

Quando ci si diletta in cucina sia che si sia cuoche provette in grado di preparare anche i manicaretti più difficili o che si sia semplici cuoche amatoriali cui piace creare qualcosa di nuovo in cucina, è inevitabile essere munite di qualsiasi tipo di elettrodomestico che possa essere considerato un valido alleato come lo sbattitore elettrico. Vediamo come scegliere lo sbattitore elettrico che più corrisponde e soddisfare le proprie esigenze. Immancabile nella cucina delle cuoche provette e di quelle che semplicemente si divertono a ‘pasticciare’ in cucina: lo sbattitore elettrico è uno di quegli elettrodomestici che non può mancare mai in qualsiasi cucina che si rispetti perché è un apparecchi che si rivela da subito particolarmente utile preparare qualsiasi tipo di manicaretto sia salato che dolce.

Lo sbattitore, infatti, risulta molto usato per la preparazione di dolci perché per ottenere l’impasto per i dolci è necessario sbattere molto e lavorare di gomito, ma oggi con lo sbattitore elettrico la fatica non si fa più e tutto viene preparato in men che non si dica dati i tempi rapidi di preparazione. Per riuscire a preparare nel migliore dei modi qualsiasi tipo di ricetta lo sbattitore deve possedere alcune caratteristiche tecniche fondamentali da cui la scelta del proprio elettrodomestico preferito non può proprio prescindere.

Infatti, uno sbattitore che si rispetti non può vantare una potenza inferiore ai 150 watt: non tutti sanno che una potenza inferiore ai 150 watt potrebbe impedire l’utilizzo dell’elettrodomestico per preparazioni più pesanti come i piccoli impasti, ma se al contrario risulta sufficiente uno sbattitore che sia in grado di montare la panna o di contribuire e aiutare nella preparazione di creme pasticcere, allora anche un apparecchio dalla potenza inferiore andrà più che bene. Un’altra caratteristica importante da tenere in considerazione prima di procedere all’acquisto del proprio sbattitore elettrico preferito, è la possibilità di decidere quale tipo di velocità debba avere l’apparecchio. In questo caso specifico, si tratta di un elettrodomestico per il quale non è necessario avere molte velocità, dato che una velocità lenta e una più veloce rappresentano giusto il minimo indispensabile che permette di lavorare un impasto di potenza quando necessario e di precisione in quei momenti più delicati.

Come scegliere lo sbattitore

Dato che nei negozi specializzati in elettrodomestici è possibile trovare tanti diversi modelli di sbattitore che c’è solo l’imbarazzo della scelta, è possibile preferire uno sbattitore dotato di qualche accessorio come una tazza che potrà permettere allo sbattitore di lavorare come se fosse un mixer a immersione, tenendo presente che naturalmente i risultati non saranno gli stessi del mixer. altra considerazione va fatta sulla lunghezza del cavo a cui è preferibile prestare attenzione dato che potrebbe rappresentare un vero e proprio impedimento: è sempre meglio tener presente la distanza che intercorre fra la presa di corrente e il piano di lavoro in cucina prima di effettuare l’acquisto.

La potenza dello sbattitore elettrico permette di non affaticare troppo il motore anche quando si vogliono preparare delle ricette che richiedono un lavoro piuttosto lungo: in questo caso, è consigliabile scegliere un elettrodomestico dalla potenza maggiore così che possa essere in grado di lavorare anche impasti più densi.